Anche per Google parte la caccia alle energie rinnovabili: accordo senza precedenti per le energie rinnovabili

Con un comunicato rilasciato nei giorni scorsi, Sundar Pichai, CEO di Google, annuncia il più grande acquisto nella storia dell’energia rinnovabile. Si tratta di 1.600 megawatt e 18 nuovi accordi energetici. In questo modo la sostenibilità diventa, ancora di più, un valore fondante per il gigante di Mountain Wiew.

La posizione di Google sulla sostenibilità

Sebbene sia da sempre uno dei valori fondanti del piu’ famoso motore di ricerca al mondo, la ricerca di uno sviluppo sostenibile costituirà, d’ora in avanti, un target ricercato con maggiore forza da Google, che, con un recente accordo, si è impegnato ad acquistare 1.600 MW di energia a partire da energie rinnovabili, e costituire, con altrettanti parters, 18 accordi energetici per la realizzazione dei processi di produzione di beni e servizi.

Il CEO di Google, Sundar Pichai, ha affermato che “negli anni abbiamo lavorato duramente per ridurre l’impronta di carbonio delle nostre attività, per costruire prodotti pensando alle persone e al pianeta, e per guidare un cambiamento su larga scala attraverso la nostra filiera”, aggiungendo che “un punto fermo nei nostri sforzi per la sostenibilità è l’impegno verso l’energia pulita. Siamo un’azienda carbon neutral dal 2007. Nel 2017 siamo diventati la prima azienda delle nostre dimensioni a far corrispondere il consumo complessivo annuale di elettricità con altrettanta energia rinnovabile – e ci siamo riusciti anche nel 2018. E come conseguenza, siamo diventati il maggiore acquirente aziendale di energia rinnovabile al mondo. Oggi compiamo un altro grande passo, attraverso il più grande acquisto aziendale nella storia di energia rinnovabile. Questo acquisto è costituito da una serie di accordi per 1.600 megawatt (MW), con l’inclusione di 18 nuovi accordi energetici. Nel complesso, questi accordi accresceranno il nostro portfolio mondiale di energia solare ed eolica di oltre il 40%, così da arrivare a 5.500 MW – equivalenti alla capacità di un milione di tetti fotovoltaici. Una volta che tutti questi progetti saranno attivati, il nostro portfolio di energia carbon-free produrrà più elettricità di una zona come Washington D.C”.