ARERA: scadono venerdì 19 i termini per la consegna della osservazioni sul nuovo metodo tariffario per l’igiene urbana e le tariffe per il conferimento presso gli impianti di trattamento

Sta per concludersi la procedura di consultazione avviata dall’Autorità per le Reti, l’Energia e l’Ambiente avviata lo scorso 11 Maggio e articolata in due fasi, di cui la prima si è conclusa lo scorso venerdì 10 giugno. I portatori di interesse hanno tempo fino al 16.7.2021 per trasmettere le osservazioni

L’oggetto della consultazione

L’Autorità, con deliberazione 30 marzo 2021, 138/2021/R/RIF, ha avviato il procedimento per la definizione del metodo tariffario rifiuti per il secondo periodo regolatorio (MTR-2), nell’ambito del quale provvedere[1] a:

  • aggiornamento e all’integrazione dell’attuale sistema di regole per il riconoscimento dei costi efficienti di esercizio e di investimento del servizio integrato dei rifiuti e dei singoli servizi che costituiscono attività di gestione
  • fissazione dei criteri per la determinazione delle tariffe di accesso agli impianti di trattamento.

Il contenuto della DCO  196/2021/R/RIF dell’11 Maggio 2021

ARERA ha manifestato con la DCO 196 cosa intende fare in merito alla nuova metodologia tariffaria denominata MTR 2 (2022-2025).

Aspetti confermati

L’Autorità conferma impostazione generale MTR 1(ex Del. 443/2019/R/RIF); questa, come MTR 2 si basa su:

  • verifica e la trasparenza dei costi;
  • determinazione entrate tariffarie su dati certi, validati e desumibili da fonti contabili obbligatorie
  • apposizione un limite di crescita delle entrate tariffarie, differenziato in ragione degli obiettivi di miglioramento della qualità del servizio reso agli utenti e/o di ampliamento del perimetro gestionale individuati dagli Enti territorialmente competenti[2];
  • regolamentazione tariffaria asimmetrica per i differenti servizi del trattamento, in un’ottica di rafforzata attenzione al profilo infrastrutturale del settore e di promozione della capacità del sistema, in corrispondenza della corretta scala territoriale (locale, regionale, di macroarea o nazionale) di gestire integralmente i rifiuti, valutando forme di incentivazione e l’attivazione di meccanismi di perequazione, sulla base della gerarchia per la gestione dei rifiuti (prospettando disincentivi per chi conferisce in discarica e in impianti di incenerimento senza recupero di energia e incentivi per chi conferisce agli impianti di compostaggio e, in misura più contenuta, per chi conferisce a impianti di incenerimento con recupero energetico);

Aspetti innovativi

Vengono introdotti ulteriori elementi di novità, riconducibili principalmente alla necessità di:

  • rafforzare gli incentivi allo sviluppo di attività di valorizzazione dei materiali recuperati e/o di energia, anche in considerazione del potenziale contributo dell’output recuperato al raggiungimento dei target europei;
  • configurare opportuni meccanismi correttivi al sistema di riconoscimento dei costi alla luce dell’applicazione delle novità normative introdotte dal decreto legislativo 116/20201 (in materia di qualificazione dei rifiuti prodotti da utenze non domestiche e di possibilità per tale tipologia di utenza di conferire i rifiuti urbani al di fuori del servizio pubblico), tenuto conto dell’equilibrio economico finanziario delle gestioni;
  • valorizzare sia la programmazione di carattere economico-finanziario (prevedendo la redazione dei piani sulla base di un orizzonte pluriennale, con i necessari aggiornamenti periodici), sia il ruolo di coordinamento che può essere assunto dagli Enti di governo dell’ambito, ove istituiti e operativi.

Le conclusioni di ARERA dopo le osservazioni ricevute.

Dopo aver ricevuto le osservazioni degli stakeholders, emerge quanto segue:

  • viene confermata l’impostazione generale sopra menzionata;
  • viene prospettata l’introduzione di alcuni meccanismi specifici per la definizione di stimoli alla promozione dell’efficienza rivolti da un lato al contenimento degli oneri all’utenza finale e dall’altro al riconoscimento di incentivi ai gestori commisurati alle performance gestionali e ambientali.

Periodo della regolamentazione

Il nuovo metodo avrà efficacia per il periodo regolatorio dal 2022 al 2025).

[1] Nell’ambito di una progressiva stabilità e certezza della regolazione del settore elaborata da ARERA.

[2] Nell’ambito di un rinnovato quadro di responsabilizzazione e di coerenza a livello locale.

Advertising

Book

E’ in libreria e sullo shop-on line di Amazon, il mio nuovo volume dedicato alle “Procedure Autorizzative Ambientali”, dopo gli effetti del DL Semplificazioni del Luglio 2020. Per acquistare la tua copia, clicca qui!

Formazione

Eroghiamo corsi da remoto sui temi dei rifiuti e delle bonifiche.

Chiedi informazione sui corsi:

  • scrivi su Whatsapp oppure chiama il : + 39 328 767 0207
  • scrivi a: relazioniesterne@stefanosassone.it .