Batterie e microelettrica: il MISE stanzia 1.7 miliardi di euro

Con un plafond di rilevante importanza, il MISE (Ministero dello sviluppo economico) tenta di rilancia lo sviluppo delle batterie e della microelettronica, aprendo una linea finanziaria dedicata ai progetti innovativi in questo campo

Il IPCEI

Nell’ambito dell’ Importante Progetto di Interesse Comune Europeo (IPCEI), il Ministero dello Sviluppo economico lancia un importante linee di investimento a favore delle imprese che intendono realizzare progetti innovativi nell’ambito delle batterie, per un valore di 1 miliardo di Euro, e dell’IPCEI sulla microelettronica (oltre 700 milioni €).

A tal proposito, si segnala che sono stati pubblicati in GURI i relativi decreti ministeriali, per le Aziende selezionate potranno quindi richiedere le agevolazioni per attività di ricerca e sviluppo, da realizzare in Italia, su questi settori ritenuti strategici dall’Unione europea.

Obiettivo dell’iniziativa

Il MISE intende supporto la competitività del comparto tecnologico promuovendo così l’integrazione tra le filiere degli Stati membri.

Le linee del fondo

Di seguito sono specificate le linee di investimento gestite dal Dicastero, con riferimento a:

• IPCEI Batterie 1: tecnologie innovative e sostenibili lungo la catena del valore delle batterie agli ioni di litio per migliorarne durata, tempi di caricamento, sicurezza e compatibilità ambientale, coerentemente con i principi dell’economia circolare (470 mln €);
• IPCEI Batterie 2: materie prime, celle, moduli e sistemi di batterie elettriche su larga scala per il settore industriale (535 mln €);
• IPCEI Microelettronica: tecnologie e componenti microelettroniche innovative in materia di chip, semiconduttori, sensori, attrezzatura ottica e materiali compositi (735 mln €).