Consiglio Ue su qualità dell’aria: necessaria la revisione della normativa

La Commissione ha presentato una proposta legislativa volta a sancire l’impegno politico dell’UE di conseguire la neutralità climatica entro il 2050, per tutelare il nostro pianeta e i nostri cittadini, che stabilisce l’obiettivo da conseguire entro il 2050 e traccia la rotta per tutte le politiche dell’UE, garantendo prevedibilità alle autorità pubbliche, alle imprese e ai cittadini.

il Contesto: come siamo giunti alla climate law

L’Unione europa ambisce a diventare il primo blocco economico climaticamente neutro del mondo entro i prossimi trent’anni, ed è questo ambizioso obiettivo l’architrave del c.d. “Green Deal europeo” presentato l’11 dicembre 2019 dalla Commissione von der Leyen. Il 12 dicembre 2019 il Consiglio europeo ha approvato l’obiettivo del conseguimento della neutralità climatica dell’UE entro il 2050.

Questo è stato l’ultimo passo di una serie di precedenti iniziative intraprese:

  • Nel novembre 2018 la Commissione aveva già presentato la sua visione di un’UE climaticamente neutra entro il 2050 in linea con l’obiettivo dell’accordo di Parigi di mantenere l’aumento della temperatura globale ben al di sotto di 2°C e di adoperarsi per mantenere tale valore a 1,5° C.
  • Il 14 marzo 2019 il Parlamento europeo ha approvato l’obiettivo dell’UE di azzerare le emissioni nette di gas a effetto serra.

l’unione europea non e’ nuova ad iniziative sul clima

L’UE combatte i cambiamenti climatici attuando politiche ambiziose a livello nazionale e una stretta cooperazione con i partner internazionali. La transizione verso una società climaticamente neutra rappresenta sia una sfida urgente che un’opportunità per costruire un futuro migliore per tutti.

L’UE è sulla buona strada per raggiungere il suo obiettivo di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra per il 2020, ha messo in atto le leggi e le misure chiave per conseguire i suoi obiettivi in materia di clima ed energia per il 2030 e si sta adoperando per realizzare un’UE climaticamente neutra entro il 2050.

Parallelamente la Commissione sta avviando una consultazione pubblica sul futuro patto europeo per il clima che consentirà di coinvolgere il pubblico nella concezione di questo strumento (per maggiori informazioni, cliccare qui)

la roadmap: il ruolo della commissione

Sulla base di una valutazione d’impatto esaustiva, la Commissione proporrà un nuovo obiettivo relativo alla riduzione delle emissioni di gas climalteranti, entro il 2030. La legge sul clima sarà modificata una volta completata la valutazione d’impatto. Questi saranno gli step previsti:

  • Entro giugno 2021 la Commissione esaminerà e, se del caso, proporrà di rivedere tutti gli strumenti politici necessari per conseguire le riduzioni supplementari previste per il 2030.
  • Per il periodo 2030-2050 la Commissione propone di predisporre un percorso di riduzione, per gli Stati membri, delle emissioni di gas a effetto serra, in modo da poter misurare i progressi compiuti e garantire prevedibilità alle autorità pubbliche, alle imprese e ai cittadini.
  • Entro settembre 2023, e successivamente ogni cinque anni, la Commissione valuterà la coerenza delle misure nazionali e dell’UE rispetto all’obiettivo della neutralità climatica e alla traiettoria per il periodo 2030-2050.

Sempre la Commissione sarà autorizzata a formulare raccomandazioni destinate agli Stati membri i cui interventi non sono compatibili con l’obiettivo della neutralità climatica e gli Stati membri dovranno tenere conto delle raccomandazioni o spiegare le loro motivazioni se omettono di farlo. La Commissione potrà inoltre riesaminare l’adeguatezza della traiettoria e le misure adottate a livello di Unione.

Gli Stati membri saranno tenuti anche a predisporre e attuare strategie di adattamento per rafforzare la resilienza e ridurre la vulnerabilità agli effetti dei cambiamenti climatici.

Definizione del patto europeo per il clima e delle politiche future

Oltre alle politiche e alla regolamentazione pubbliche, tutti i settori della società e dell’economia hanno un ruolo da svolgere nella transizione verso la neutralità climatica dell’Unione europea.

La Commissione pertanto vara oggi una consultazione pubblica su un nuovo patto europeo per il clima, un’iniziativa di ampio respiro per dare voce e ruolo ai cittadini e ai portatori di interessi nella progettazione di nuove azioni per il clima, condividendo informazioni, avviando attività dal basso e illustrando soluzioni che possono essere adottate anche da altri.

La consultazione pubblica resterà aperta per 12 settimane. I contributi saranno utilizzati per definire il patto per il clima che sarà varato prima della conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici in programma a Glasgow nel novembre 2020 (COP26).

Oggi la Commissione ha avviato ufficialmente i lavori con la pubblicazione delle valutazioni d’impatto iniziali sul futuro meccanismo di adeguamento del carbonio alle frontiere e sulla revisione della direttiva sulla tassazione dell’energia, due degli altri importanti strumenti politici previsti dal Green Deal europeo. Inoltre, il collegio dei commissari ha adottato la proposta di designare il 2021 Anno europeo del trasporto ferroviario per dare risalto ai benefici per il clima derivanti dall’aumento dell’utilizzo della rete ferroviaria per il trasporto di persone e merci.

Domande e risposte sulla legislazione climatica europea e sul patto climatico

Cliccare qui

Perché abbiamo bisogno di una legge europea sul clima?

L’atmosfera si sta riscaldando, con gravi conseguenze già ora per il nostro ambiente e le nostre società. Il gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici stima che per mantenere l’innalzamento della temperatura globale a 1,5 ° C rispetto ai tempi preindustriali e limitare gli impatti negativi dei cambiamenti climatici, il mondo deve ridurre rapidamente le proprie emissioni di gas serra che riscaldano il clima (GHG) a raggiungere emissioni nette zero di CO2 entro il 2050 e tutti gli altri gas a effetto serra un po ‘più tardi nel secolo.

L’UE ha già messo in atto alcune delle leggi sul clima più difficili e ambiziose al mondo e ha iniziato a modernizzare e trasformare la sua economia in linea con i suoi obiettivi climatici. Tra il 1990 e il 2018, ha ridotto le emissioni di gas serra del 23%, mentre l’economia è cresciuta del 61%. Il quadro globale dell’UE per il clima e l’energia per il 2030 comporterà ulteriori riduzioni delle emissioni in tutta l’economia.

Tuttavia, le attuali politiche dovrebbero ridurre le emissioni di gas a effetto serra solo del 60% entro il 2050 rispetto ai livelli del 1990, il che significa che resta ancora molto da fare. Alla luce delle prove scientifiche, dei sempre più evidenti e gravi effetti negativi dei cambiamenti climatici e delle richieste dei cittadini di ulteriori interventi, è necessario adottare urgentemente ulteriori misure. In questo contesto, la legge europea sul clima stabilisce l’obiettivo ambizioso di raggiungere emissioni di gas serra nette pari a zero nell’UE entro il 2050 e un quadro per raggiungere questo obiettivo di neutralità climatica.

Quali sono gli elementi chiave della proposta della Commissione?

La legge europea sul clima mira a integrare l’attuale quadro politico dell’UE stabilendo la direzione di viaggio a lungo termine per le politiche climatiche dell’UE, fornendo prevedibilità agli investitori e alle imprese sull’impegno dell’UE e garantendo trasparenza e responsabilità.

La legge stabilisce nella legislazione l’obiettivo dell’UE di diventare neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050, tagliando le emissioni e aumentando la rimozione dei gas a effetto serra dall’atmosfera per raggiungere emissioni nette zero.

La legge mira inoltre a intensificare gli sforzi sull’adattamento ai cambiamenti climatici. Nonostante le azioni per ridurre le emissioni di gas a effetto serra, l’Europa continuerà ad affrontare gli effetti negativi dei cambiamenti climatici. La prossima strategia di adattamento dell’UE e le strategie e i piani di adattamento degli Stati membri saranno essenziali per affrontare queste sfide.

Che cosa significa la legge sul clima per le politiche esistenti e l’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra dell’UE per il 2030?

La proposta incarica la Commissione di rivedere le politiche e la legislazione esistenti in vista della loro coerenza con l’obiettivo di neutralità climatica e la traiettoria individuata.

Nell’ambito di un approccio in due fasi, la Commissione valuterà e presenterà innanzitutto proposte per aumentare l’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra dell’UE per il 2030 al fine di garantirne la coerenza con l’obiettivo del 2050. Entro settembre 2020, la Commissione presenterà un piano di valutazione d’impatto per aumentare l’obiettivo del 2030 ad almeno il 50% e verso il 55% rispetto ai livelli del 1990 in modo responsabile e proporrà di modificare di conseguenza la legge sul clima.

Le proposte di revisione normativa da parte della Comunità

Per raggiungere l’obiettivo 2030 rivisto e più ambizioso, entro giugno 2021 la Commissione proporrà quindi revisioni di:

  • Direttiva sul sistema europeo di scambio di quote di emissioni (ETS);
  • Regolamento sulla condivisione degli sforzi;
  • Regolamento sull’uso del suolo, il cambio di destinazione del suolo e la silvicoltura (LULUCF);
  • Direttiva sull’efficienza energetica;
  • Direttiva sulle energie rinnovabili;
  • Standard di prestazione delle emissioni di CO2 per auto e furgoni;

Diverse altre iniziative in preparazione nell’ambito del Green Deal europeo contribuiranno inoltre al raggiungimento degli obiettivi della legge sul clima, compresa la proposta di un “meccanismo di adeguamento delle frontiere del carbonio” per settori selezionati, il lancio di una nuova strategia di adattamento dell’UE e il patto europeo per il clima.

La Commissione sosterrà questi obiettivi politici con finanziamenti e strumenti di finanziamento adeguati:

  • Il piano di investimenti del Green Deal europeo , proposto all’inizio del 2020, sbloccherà almeno 1 trilione di euro di investimenti sostenibili nel prossimo decennio per contribuire a finanziare la transizione climatica. La garanzia InvestEU lo supporterà decrementando i fondi privati,
  • una rinnovata strategia di finanza sostenibile mirerà a reindirizzare i flussi di capitale privato verso investimenti ecologici, garantendo che gli investimenti sostenibili siano integrati in tutto il nostro sistema finanziario,
  • Il meccanismo di transizione giusta e il relativo fondo di transizione giusto , proposti all’inizio del 2020, sosterranno le regioni e i settori più colpiti garantendo che la transizione sia equa e non lasci nessuno indietro. Li aiuterà a modernizzare e diversificare le loro economie e ad alleviare i costi sociali ed economici della transizione.

Come sarà impostata la traiettoria di riduzione delle emissioni di gas serra dal 2030 al 2050?

La proposta della Commissione delinea un processo per stabilire una traiettoria dal 2030 per le emissioni nette di gas a effetto serra e gli assorbimenti a livello dell’UE per raggiungere nel tempo l’obiettivo di neutralità climatica del 2050. La traiettoria si baserà tra l’altro sulle ultime prove scientifiche e sulle migliori tecnologie disponibili. Terrà conto dell’efficacia in termini di costi, dell’efficienza economica, dell’equità e della solidarietà tra e all’interno degli Stati membri e della necessità di garantire che la transizione sia giusta e socialmente equa.

Ogni cinque anni, la Commissione prenderà in considerazione gli ultimi sviluppi internazionali e scientifici, nonché le attuali politiche, la legislazione e i progressi dell’UE compiuti verso gli obiettivi del 2050, per valutare se la traiettoria è ancora adeguata o deve essere aggiornata. Questo processo è in linea con le scadenze dell ‘”inventario globale” ai sensi dell’accordo di Parigi, in base al quale le parti periodicamente fanno il punto sull’attuazione dell’accordo e sui progressi collettivi verso i suoi obiettivi.

In che modo l’UE può raggiungere l’obiettivo della neutralità climatica entro il 2050?

La Commissione europea ha definito la sua visione per un’UE neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050 nella sua comunicazione ” Un pianeta pulito per tutti ” nel novembre 2018. L’analisi approfondita alla base della visione ha esaminato tutti i settori chiave ed esplorato diversi percorsi per la transizione.

Ha dimostrato che è possibile che l’UE passi a emissioni nette zero di gas a effetto serra entro il 2050, utilizzando soluzioni tecnologiche esistenti ed emergenti, responsabilizzando i cittadini e allineando azioni in settori chiave quali la politica industriale, la finanza o la ricerca, garantendo al contempo l’equità sociale per una giusta transizione.

Il passaggio alla neutralità climatica richiederà interventi in tutti i settori, dal cambiamento del modo in cui generiamo energia e produciamo cibo al modo in cui consumiamo beni e servizi, ai posti di lavoro che svolgiamo e al modo in cui viaggiamo. Un’azione ambiziosa aiuterà sia a proteggere il nostro pianeta sia a migliorare la nostra qualità della vita, attraverso benefici come aria, acqua e suolo più puliti; cibo più sano; abitazioni più efficienti sotto il profilo energetico; migliori alternative di trasporto; e nuove opportunità per le imprese europee di assumere un ruolo guida nello sviluppo di prodotti e tecnologie pulite.

Questa transizione richiederà investimenti significativi. A tal fine, nel gennaio 2020 la Commissione ha presentato un piano europeo per gli investimenti nel Green Deal per mobilitare almeno 1 trilione di € di investimenti sostenibili nel prossimo decennio, nonché un meccanismo di transizione equo per garantire che la transizione verso un’economia neutrale dal punto di vista climatico avviene in modo equo, con un sostegno mirato per le regioni più colpite.

Modernizzare e decarbonizzare l’economia dell’UE stimolerà significativi investimenti aggiuntivi. Oggi circa il 2% del PIL è investito nel nostro sistema energetico e nelle relative infrastrutture. Ciò dovrebbe aumentare al 2,8% al fine di ottenere un’economia a gas serra netta-zero. Ciò significa considerevoli investimenti aggiuntivi rispetto al basale, nell’intervallo di 175-290 miliardi di euro all’anno.

Ciò può sembrare sostanziale, ma è realizzabile e un valore molto migliore per la società rispetto al costo dell’inazione che vedrà i danni legati al clima e gli effetti sulla salute comportare un costo enorme per la nostra società. Inoltre, l’inazione ci mette in una posizione di svantaggio competitivo poiché i paesi vicini innovano e sviluppano le tecnologie sostenibili del futuro.

Come sono coinvolti cittadini e parti interessate?

I cittadini dell’UE sono preoccupati per i cambiamenti climatici e sostengono l’azione nazionale e dell’UE. Nell’ultimo Eurobarometro speciale sui cambiamenti climatici (settembre 2019), il 93% dei cittadini dell’UE ha considerato i cambiamenti climatici un problema serio e il 92% ha convenuto che dobbiamo rendere la nostra economia neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050.

Poiché tutte le parti della società hanno un ruolo da svolgere nella transizione alla neutralità climatica, un processo inclusivo e accessibile per lo scambio delle migliori pratiche e l’identificazione di azioni che contribuiscono all’obiettivo del 2050 è un elemento importante della legge sul clima. Tutti abbiamo il dovere di agire e gli europei hanno dimostrato la loro forte volontà di far parte del cambiamento. Il Patto europeo per il clima riunirà tutti questi sforzi, coinvolgendo regioni, comunità locali, società civile, scuole, industria e individui. Oggi la Commissione ha anche avviato una consultazione pubblica su questo Patto europeo per il clima, offrendo nuovamente ai cittadini l’opportunità di partecipare alla definizione di come il Patto funzionerà nella pratica.

Come sarà sviluppato il patto climatico?

Il coinvolgimento e l’impegno delle parti interessate e del pubblico in generale saranno cruciali per il successo del Green Deal europeo. Il Patto per il clima intende attuare azioni esemplari sul campo e incoraggiare il cambiamento nelle aree in cui è così cruciale, come la mobilità, il rinnovamento degli edifici, la produzione e il consumo di energia, l’inverdimento degli spazi pubblici e privati, nonché nel nostro personale e scelte e comportamenti collettivi. Mira a offrire sia le opportunità sia le piattaforme per preziose iniziative da sviluppare e prosperare e sarà una parte fondamentale della giusta transizione per tutti. Si tratta di un esercizio senza precedenti e avremo bisogno che tutti si rialzino e portino idee al Patto.

Il patto non parte da zero. Esistono molti esempi esistenti di sforzi della società civile per affrontare i cambiamenti climatici. Il patto climatico si baserà su questo obiettivo e incoraggerà un approccio integrato, strutturato e più proattivo alla sensibilizzazione e all’azione delle parti interessate a livello europeo.

Oltre alle politiche e alla regolamentazione del governo, c’è un ruolo da svolgere per cittadini, comunità e organizzazioni in tutti i settori della nostra società e della nostra economia. La Commissione ha avviato una consultazione pubblica aperta sul Patto per assegnare ai cittadini e alle parti interessate un ruolo nella progettazione di nuove azioni per il clima, nella condivisione di informazioni, nell’avvio di attività di base e nella presentazione di soluzioni che altri possano seguire. Gli input di questa consultazione pubblica saranno strumentali per modellare il Patto per il clima prima del suo lancio alla fine del 2020.

Le dichiarazioni

La Presidente Ursula von der Leyen ha dichiarato: “Agiamo oggi per fare dell’UE il primo continente del mondo che conseguirà la neutralità climatica entro il 2050. La legge sul clima concretizza in un atto giuridico il nostro impegno politico e ci pone in modo irreversibile sulla strada verso un futuro più sostenibile. Questo atto costituisce l’elemento centrale del Green Deal europeo, e offre prevedibilità e trasparenza per l’industria e gli investitori europei. Imprime anche una chiara direzione alla nostra strategia per una crescita verde e garantisce una transizione graduale ed equa.”

Frans Timmermans, Vicepresidente esecutivo responsabile per il Green Deal europeo, ha aggiunto: “Oggi passiamo dalle parole ai fatti, per mostrare ai nostri concittadini europei che siamo seriamente intenzionati ad azzerare le emissioni nette di gas a effetto serra entro il 2050. La legge europea sul clima è anche un messaggio destinato ai nostri partner internazionali, per far saper loro che è arrivato il momento per tutti noi di puntare più in alto nel perseguire i nostri obiettivi comuni dell’accordo di Parigi. La legge sul clima ci consentirà di mantenere con rigore l’impegno e di restare sulla buona strada, chiamandoci a rispondere dei risultati”.

Con la legge europea sul clima, la Commissione propone un obiettivo giuridicamente vincolante di azzeramento delle emissioni nette di gas a effetto serra entro il 2050. Le istituzioni dell’UE e gli Stati membri sono tenuti ad adottare insieme le misure necessarie al loro livello per raggiungere questo obiettivo.

La legge sul clima prevede misure per verificare i progressi compiuti e adeguare i nostri interventi di conseguenza, sulla base di sistemi esistenti quali il processo di governance dei piani nazionali per l’energia e il clima degli Stati membri, le relazioni periodiche dell’Agenzia europea dell’ambiente e i più recenti dati scientifici sui cambiamenti climatici e i relativi impatti. I progressi saranno verificati ogni cinque anni, in linea con il bilancio globale previsto dall’accordo di Parigi.