Il Ministero dell’Ambiente dice no al dissesto idrogeologico: stanziati 361 milioni per la messa in sicurezza del territorio

Buone notizie per l’Italia aggredita dai fenomeni di dissesto idrogeologico. Il Ministero dell’Ambiente ha deciso di stanziare una cospicua entità di fondi, per un totale di 361 milioni di euro, a coprire 236 interventi dedicati a contenere il fenomeno sul territorio di tutta la penisola italiana.

Il piano operativo sul dissesto idrogeologico per l’anno 2019

L’ammontare rientra nella pianificazione ministeriale denominata “piano operativo sul dissesto idrogeologico per l’anno 2019”.

Il Ministro Costa ha tenuto a sottolineare come si tratti di “risorse ulteriori e immediatamente disponibili per la messa in sicurezza idrogeologica e per progetti immediatamente cantierabili”, impegnandosi a non lavorare sulla logica dell’emergenza, ma con una programmazione costante e interventi specifici per attenuare i rischi e le criticità sull’intero territorio nazionale.

Gli stanziamenti previsti dal Piano

L’impegno finanziario complessivo del Piano, che ammonta ad euro 361.896.975 trova la necessaria copertura nelle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014-2020 deliberate dal CIPE a favore del Piano Operativo “Ambiente”.

I fondi verranno erogati in via diretta, senza la stipula di successivi accordi di programma, come previsto dalla delibera CIPE n.64 (adottata il 1/08/2019).

Gli interventi vanno dalla sistemazione di versanti franosi, al consolidamento e alla difesa idraulica, al ripascimento e difesa delle aree costiere, alla messa in sicurezza di abitati.

I fondi odierni, destinati a ulteriori progetti cantierabili, vanno ad aggiungersi ai finanziamenti già erogati alle regioni attraverso il Piano stralcio sul dissesto idrogeologico.