Rapporto AEA sulle plastiche biodegradabili e compostabili

Con un rapporto di profilo tecnico rilasciato nel corso della settimana passata, l’Agenzia Europea per l’Ambiente (AEA) evidenzia sfide ed opportunità relative al settore delle bioplastiche, realizzando un focus sul materiale, ponendo in luce gli aspetti principali che riguardano la sua gestione.

Premesse

L’Agenzia ha promosso la stesura del rapporto sulla base della maggiore e crescente diffusione dei prodotti di plastica, i quali sono etichettati come “compostabili”, “biodegradabili”, “oxo-degradabili” o “a base biologica”.

Tuttavia, viene sottolineato come, in realtà le plastiche realizzate con materiali a base biologica non siano necessariamente compostabili o biodegradabili, ed anche che le materie plastiche che si biodegradano possono essere prodotte con materiali a base di combustibili fossili.

L’agenzia cerca di rispondere, nel documento a varie questioni che si possono presentare nella gestione del materiale:

  • qual è la differenza tra compostabile e biodegradabile;
  • cosa avviene alle plastiche biodegradabili e compostabili quando sono disseminate;
  • quando i cittadini possono compostare tali prodotti nei propri giardini;
  • quando le bioplastiche possono essere riciclate.

Le principali evidenze

In sintesi, le principali evidenze del documento sono le seguenti:

se e quanto velocemente un oggetto di plastica si biodegrada dipende da: (1) se è progettato per la biodegradazione o il compostaggio e (2) dalle condizioni a cui è esposto dopo l’uso e per quanto tempo.

le condizioni nelle compostiere domestiche e nell’ambiente aperto sono molto diverse rispetto agli impianti di compostaggio industriale e questo influisce sulla velocità e sull’entità del guasto.

Le plastiche biodegradabili, compostabili e a base biologica richiedono un’etichettatura più chiara e ripetute campagne di sensibilizzazione rivolte agli utenti per garantire il loro corretto smaltimento e trattamento.

In un’economia circolare, tutta la plastica dovrebbe essere riciclata in una nuova plastica in primo luogo.

Le plastiche compostabili che possono essere trattate con i rifiuti organici offrono vantaggi ambientali per applicazioni e situazioni specifiche, a condizione che il loro utilizzo sia allineato con l’infrastruttura di trattamento dei rifiuti organici.

Quali sono le sfide?

L’Agenzia evidenzia anche quali sono le sfide che il settore produttivo è chiamato ad affrontare nel futuro, e dalla ricognizione dell’attuale stato dell’arte, emerge quanto di seguito riportato.

Plastica: alcuni fatti

Come noto, la plastica è un materiale chiave nella vita moderna, poiché i manufatti costituiti con questo materiale hanno come caratteristiche principali quelli di essere versatili, leggeri e possono essere prodotti a costi relativamente bassi[1].

E’ noto che la maggior parte della plastica continua a essere prodotta da combustibili fossili in un processo che contribuisce ad aumentare le emissioni di gas serra lungo la loro catena del valore[2].

Purtroppo, i tassi di riciclaggio della plastica sono bassi e la plastica perde nell’ambiente attraverso, ad esempio, i rifiuti, una gestione impropria dei rifiuti e l’usura dei prodotti. Possono rimanere in natura per molti anni e potenzialmente entrare nella catena alimentare. La contaminazione con particelle di plastica è una sfida particolare in termini di mantenere pulito il compost costituito da rifiuti organici raccolti separatamente (EEA, 2020).

Le plastiche bio, un’alternativa a quelle tradizionali?

Le plastiche biodegradabili, compostabili a base biologica, trovano sempre piu’ diffusione e vengono promosse come soluzione ad alcune di queste sfide.

Allo stesso tempo, come sopra anticipato, sempre più prodotti di consumo, come sacchetti di plastica, imballaggi e bicchieri monouso, sono etichettati come “compostabili”, “biodegradabili” o “a base biologica”.

Ma cosa significano esattamente questi termini? In che misura la plastica biodegradabile, compostabile e bio-based può aiutare a risolvere le sfide di sostenibilità poste dalla plastica? E ne creano di nuovi?

Biodegradabile, compostabile, a base biologica: cosa significa tutto questo?

I materiali biodegradabili e compostabili possono essere scomposti dai microrganismi in acqua, anidride carbonica, sali minerali e nuova biomassa entro un periodo di tempo definito. Se un oggetto in plastica biodegradabile o compostabile si biodegrada e la velocità con cui ciò accade, dipende fortemente dalle condizioni a cui è esposto durante lo smaltimento[3]. E’ opportuno evidenziare come la biodegradabilità sia diversa a seconda dello scopo per la quali sono realizzate:

  1. quelli compostabili industriali sono progettate per biodegradarsi nelle condizioni di un impianto di compostaggio industriale o di un impianto di digestione anaerobica industriale con una successiva fase di compostaggio.
  2. Quella compostabili domestiche sono progettate per biodegradarsi nelle condizioni di una compostabile domestica ben gestita a temperature inferiori rispetto agli impianti di compostaggio industriale[4].

Le plastiche a base biologica sono prodotte in tutto o in parte da materie prime biologiche rispetto alla materia prima fossile (petrolio) utilizzata nelle plastiche convenzionali.

Le plastiche non biodegradabili durano per lunghi periodi di tempo. Possono disintegrarsi in pezzi più piccoli, formando microplastiche e accumularsi nell’ambiente.

Le plastiche oxo-degradabili includono additivi che, attraverso l’ossidazione, portano alla loro frammentazione in microplastiche o decomposizione chimica.

Le plastiche biodegradabili o compostabili possono essere prodotte da materie prime biologiche o fossili (materie prime) (Figura 1). Possono essere prodotti per avere funzionalità simili o uguali alle plastiche convenzionali (WRAP, 2020). La sostenibilità dei materiali a base biologica, proprio come delle plastiche a base fossile, dipende dalle pratiche di produzione, dalla durata dei prodotti e dal trattamento di fine vita (EEA, 2018). Il termine bioplastica è talvolta usato per le plastiche che sono a base biologica o biodegradabile, o entrambe (European Bioplastics e.V., 2020c). Dato che hanno proprietà molto diverse, i consumatori potrebbero fraintendere il termine piuttosto vago “bioplastica”.

Gestione dei rifiuti di plastica biodegradabile e compostabile

Un’economia circolare conserva il più possibile il valore dei prodotti e dei materiali nell’economia. Sebbene le plastiche biodegradabili e compostabili siano tecnicamente riciclabili, attualmente non vengono riciclate in materiale plastico. Piuttosto, vengono trattati come un’impurità nel riciclaggio della plastica convenzionale quando vengono raccolti insieme. L’aumento delle quote di mercato in futuro potrebbe aggravare la situazione, ma potrebbe anche rendere economicamente praticabile il riciclaggio di alcune plastiche biodegradabili o compostabili (Crippa et al., 2019). Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche, innovazioni e investimenti nel riciclaggio della plastica.

[1] Viene stimato che, attualmente, solo l’1% circa delle materie plastiche e dei prodotti in plastica sul mercato globale è considerato a base biologica, compostabili e / o biodegradabili (European Bioplastics, 2020).

[2] Le plastiche, infatti, inquinano durante tutto il loro ciclo di vita dalla produzione, all’utilizzo e infine attraverso il loro smaltimento.

[3] Questi includono temperatura, durata, presenza di microrganismi, nutrienti, ossigeno e umidità (De Wilde et al., 2013; van den Oever et al., 2017). E’ bene sottolineare che diversi tipi di plastica biodegradabile e compostabile sono progettati per biodegradarsi in condizioni specificate. In altre condizioni, potrebbero biodegradarsi lentamente o per niente o frammentarsi in microplastiche. Le plastiche biodegradabili sono progettate per biodegradarsi in un mezzo specifico (acqua, suolo, compost) in determinate condizioni e in periodi di tempo variabili.

[4] La maggior parte di loro si biodegrada anche negli impianti di compostaggio industriale.