Rinviata la conferenza COP26 delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici

La conferenza COP26 delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici che si terrà a Glasgow a novembre è stata rinviata a causa di COVID-19.

La decisione delle Nazioni Unite

Questa decisione è stata presa dall’Ufficio COP dell’UNFCCC (Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici), con il Regno Unito e i suoi partner italiani.

Le date per una conferenza riprogrammata nel 2021, ospitata a Glasgow dal Regno Unito in collaborazione con l’Italia, saranno stabilite a tempo debito a seguito di ulteriori discussioni con le parti.

Alla luce degli effetti in corso in tutto il mondo di COVID-19, non è più possibile tenere una COP26 ambiziosa e inclusiva nel novembre 2020.

La riprogrammazione garantirà che tutte le parti possano concentrarsi sulle questioni da discutere in questa conferenza vitale e concedere più tempo per i preparativi necessari. l’ONU continuerà a lavorare con tutti i soggetti coinvolti per aumentare l’ambizione climatica, costruire la resilienza e ridurre le emissioni.

Le dichiarazioni di Sergio Costa

Il ministro italiano dell’Ambiente, della protezione della terra e del mare, Sergio Costa, ha dichiarato:

“Mentre abbiamo deciso di rinviare la COP26, compresi gli eventi pre-COP e” Gioventù per il clima “, restiamo pienamente impegnati a far fronte alla sfida dei cambiamenti climatici.

“La lotta ai cambiamenti climatici richiede un’azione forte, globale e ambiziosa. La partecipazione delle giovani generazioni è un imperativo e siamo determinati a ospitare l’evento “Giovani per il clima”, insieme agli eventi pre-COP e di sensibilizzazione.

Maggiori informazioni

Per maggiori informazioni, cliccare qui.