World Environment Day: reimmaginare, ricreare, ristabilire

Si terrà da 21 al 24 giugno prossimi la IX Conferenza Mondiale sul ripristino ecologico, organizzata su piattaforma virtuale dalla Society for Ecological Restoration (SER). L’incontro di quattro giorni ha riunito professionisti del restauro e studenti di tutto il mondo e fornirà un vivace forum per il networking e lo scambio di conoscenze.

L’evento

Prenderanno parte alla Conferenza professionisti, accademici, ricercatori, professionisti, studenti, artisti, economisti, sostenitori, legislatori, regolatori e altri che operano nel settore, per connettersi, imparare e lavorare per catalizzare il mondo cambiare mentre inizia il decennio delle Nazioni Unite sul ripristino dell’ecosistema.

Reimmaginare. Ricreare. Ristabilire

Il mantra ideato dall’ONU per questa edizione è “REIMMAGINARE. RICREARE. RISTABILIRE”. Questo è il nostro momento.”. L’organizzazione per le Nazioni Unite, nell’immaginare l’evento, ha evidenziato come non sia possibile tornare indietro nel tempo, ma ancora sia possibile coltivare alberi, rendere verdi le nostre città, rinnovare i nostri giardini, cambiare la nostra dieta e ripulire fiumi e coste: “Siamo la generazione che può fare pace con la natura. Diventiamo attivi, non ansiosi. Siamo audaci, non timidi.

Il cuore dell’evento: la giornata mondiale sull’ambiente

Lo scorso 5 giugno si è tenuta la giornata mondiale dell’ambiente, dove, nell’occasione è stato diffuso un messaggio fondamentale: occorre guarire il pianeta, iniziando da ora e lavorare insieme perché tutti hanno un ruolo da svolgere nel far rivivere gli ecosistemi in difficoltà del mondo.

L’evento ambientale di punta del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) nel 2021 è stato sia una celebrazione del pianeta che un appello all’azione, poiché ha anche segnato il lancio formale del Decennio delle Nazioni Unite sul ripristino dell’ecosistema, che mira a mobilitare centinaia di milioni di persone prevenire, arrestare e invertire il degrado degli ecosistemi.

In un mondo ancora scosso dalla devastazione causata dalla pandemia di COVID-19 , leader politici, attivisti, artisti, imprese e individui, giovani e anziani, si sono radunati dietro un messaggio di speranza per la natura, riconoscendo che i pacchetti di stimolo per la ripresa dalla pandemia offrono una opportunità irripetibile per spostare gli investimenti verso una “economia del restauro” in grado di fornire milioni di posti di lavoro verdi.

Durante un gala virtuale per il lancio del Decennio delle Nazioni Unite, il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha avvertito che potremmo raggiungere “il punto di non ritorno per il pianeta” mentre l’umanità devasta gli ecosistemi. Ma ha notato che c’era ancora tempo per cambiare la narrativa.

Taglia e brucia

Dal Pakistan, che ha ospitato le celebrazioni in collaborazione con l’UNEP, dalle Americhe all’Europa, gli eventi hanno attraversato il mondo, tra cui piantagioni di alberi, pulizie di comunità, concerti, proiezioni di film, omaggi artistici e impegni politici e finanziari per affrontare le pratiche insostenibili che stanno alimentando la triplice crisi planetaria del cambiamento climatico, della perdita di biodiversità e dell’inquinamento.

All’evento di lancio della Giornata mondiale dell’ambiente a Islamabad, il primo ministro pakistano Imran Khan ha affermato che il mondo deve correggere il suo corso nei prossimi 10 anni, presentando l’ambizioso progetto dello tsunami di dieci miliardi di alberi del paese , che mira a piantare 10 miliardi di alberi entro il 2023.

Advertising

Book

E’ in libreria e sullo shop-on line di Amazon, il mio nuovo volume dedicato alle “Procedure Autorizzative Ambientali”, dopo gli effetti del DL Semplificazioni del Luglio 2020. Per acquistare la tua copia, clicca qui!

Formazione

Eroghiamo corsi da remoto sui temi dei rifiuti e delle bonifiche.

Chiedi informazione sui corsi:

  • scrivi su Whatsapp oppure chiama il : + 39 328 767 0207
  • scrivi a: relazioniesterne@stefanosassone.it .